Home IL CREMERANews Sbandieratori nella Festa di San Martino

Sbandieratori nella Festa di San Martino

di Emanuela Gizzi
Trombe a San Martino PhotoCredit Emanuela Gizzi (3)

Gli sbandieratori nella Festa San Martino sono una novità, ricordo bande musicali e gruppi, giocolieri, mangiafuoco, e quest’anno sono arrivati loro, da Castiglion Fiorentino

Sventolio Rosso e Bianco

Gli sbandieratori nella Festa di San Martino sono stati incredibili. Bellissimi nei costumi. Sembrava di stare in un’altra epoca o in un film d’animazione.

La Porta del Borgo aveva un drappeggio che scendeva giù agli angoli, mentre all’interno le lanterne ondeggianti, lungo la strada, davano un senso di leggerezza. A restituire un tocco di ruralità all’intera manifestazione di San Martino, erano degli spaventapasseri simpatici, che spuntavano da ogni angolo del percorso.

Sbandieratori a San Martino PhotoCredit Emanuela Gizzi (2)

Gli sbandieratori si sono allargati in Piazza Donato Palmieri dando prova delle proprie abilità: le bandiere hanno cominciato a roteare, volare in aria, incrociarsi e lo spettacolo ha preso forma.

Ad accompagnarli una fila di trombettisti e una fila di tamburi che scandivano ogni movimento o presa, andavano di pari passo all’esibizione.

Quell’armonia tra loro, come se gli bastasse essere tutti nello stesso posto per sincronizzarsi, me li ha fatti amare.

Tamburi a San Martino PhotoCredit Emanuela Gizzi (4)

È stato uno spettacolo suggestivo, degno di quella tradizione toscana riconosciuta in tutta Italia.

Poi si sono adunati in Piazza San Lorenzo e, dentro un cerchio umano, le bandiere –di nuovo- hanno toccato il cielo e sono ricadute all’unisono, hanno volteggiato come ballerine, sono state le protagoniste con gli sbandieratori nella Festa di San Martino.

LEGGI ANCHE GLI ALTRI EVENTI IN COSTUME:

Prima sfilata medievale    Seconda sfilata medievale    Terza sfilata medievale    Quarta sfilata medievale

 

 

Sono prima di tutto una viaggiatrice, annuso la vita e ne trattengo le radici. Quindi scrivo per piacere ma anche per lavoro. Scrivo perché senza non saprei starci. E poi fotografo perché la fotocamera è il mio psicologo personale. Cammino sempre con un animale di fianco, un gatto un cane un cinghiale un ippopotamo. Insomma converso. E poi scrivo di nuovo.

Related Articles

Lascia un commento

error: ATTENZIONE il contenuto è protetto!!